Duomo di Siracusa

Da vedere a Siracusa

Il Duomo di Siracusa o anche detto la cattedrale della Natività di Maria Santissima, sorge nell’isola di Ortigia, la piccola parte storica della città di Siracusa che guarda a Sud, esattamente dove ai tempi dell’impero greco sorgeva il tempio dedicato ad Atena (Minerva). Bisogna di certo specificare che il Duomo di Siracusa è stato realizzato inglobando ad esso lo stesso tempio, tutt’oggi visibile all’interno della Chiesa. Ma andiamo per gradi.

Duomo Siracusa fabiogreco1984
Duomo Siracusa – Fonte Instagram: fabiogreco1984

Possiamo subito dire che il Duomo di Siracusa è non solo la chiesa più importante di Siracusa ma ne diventa simbolo e ricordo indelebili per chi ha avuto la fortuna di visitarlo. Stiamo parlando di una Chiesa che l’UNESCO ha dichiarato patrimonio dell’umanità.

Gli Stili

Lo stile unico, o meglio, gli stili si differenziano tra interno ed esterno. All’esterno troviamo un predominante Barocco con Rococò lasciando spazio all’interno a stili risalenti all’epoca siceliota (i sicelioti erano gli abitanti delle poleis greche) e a quella medioevale realizzata da normanni. Cenni di barocco li troviamo anche all’interno.

Per darvi un’idea di cosa sia il Duomo di Siracusa ci rifacciamo alle parole di Lawrence Durrell: “Prendete un tempio greco, incorporatelo per intero in un edificio cristiano, al quale Successivamente si aggiungono le modifiche e la ricostruzione dell’edificio per il culto cristiano adoperate dai normanna, tra le altre, la facciata abbattuta dal grande terremoto del 1693. Senza scoraggiarvi vi rimettete all’opera e, cambiando completamente direzione, sostituite la vecchia facciata con una deliziosa composizione barocca all’incirca del 1728‑54. E il tutto, deteriorato com’è, continua a vivere e a sorridere, diffondendo nel mondo la sua immagine come se fosse stato ideato da un Leonardo o da un Michelangelo“.

Duomo Siracusa laroccavito
Duomo Siracusa – Fonte Instagram: laroccavito

La Storia

La Cattedrale di Siracusa la si può considerare come unica nel suo genere e nella sua storia. Posta nel punto più alto dell’isola di Ortigia, ebbe tutto inizio grazie ai siculi (popolo indigeno pre-greco) che vi si insediarono, poi fu eretto un Tempio Ionico che si trasformò, con il tiranno Gelone, in Tempio Dorico dedicandolo ad Atena, dea della sapienza, delle arti, della tessitura e della guerra.

Il tempio mantiene il suo ruolo sacro anche durante l’impero romano, fino a che con l’arrivo del cristianesimo venne convertito in chiesa, anzi, la prima chiesa d’Occidente.

Nel 1693 un terremoto rase al suolo diverse città nella provincia siracusana, ma il Duomo di Siracusa, ad eccezione della sua facciata normanna crollata e distrutta (poi ricostruita sotto il dominio spagnolo), mantenne integra il resto della struttura.

La seconda guerra mondiale riuscì a distruggere molte chiese siracusane, lasciando però intatta la Cattedrale Siracusana. Per questo motivo oltre che la sacralità riconosciuta nel tempo, la resistenza agli attacchi demolitori della natura e dell’uomo, rendono il Duomo di Siracusa un simbolo indelebile per la città, per i Siracusani e per chi ha amato visitarla.

 

Vota e scrivi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piazza Duomo 10
Siracusa 96100 Sicilia IT
Vedi posizione